martedì 20 novembre 2007

Il fantasma del passato

I fantasmi fanno fatica a scomparire, veramente e per sempre.
Il fantasma che mi angustia ancora è quello del fallimento, la disgregazione avvenuta di quello che era il mio progetto di vita.
sottolineo che è andata bene così, il fantasma in questione non è il fantasma di una persona, è quello di un idea, di un progetto, un desiderio di costruire qualcosa che potesse durare, ma la scelta delle fondamenta si è rivelato catastroficamente sbagliato.
Nonostante il fantasma della sconfitta aleggi ancora nell'aria, mi sento pronto, come già detto in passato, ad iniziare nuovamente, costruire nuovi progetti, scegliendo materiale migliore, ma la scelta, purtoppo, non è sempre data dal ragionamento, ci sono momenti in cui è così pericolasamente bello sragionare, seguire l'istinto che però ci rende più vulnerabili agli errori.
Ma in questa coose non è col cervello che si ragiona, ma col cuore, un amore non può essere ragionamento, calcolo, riflessione, non sarebbe amore, almeno come l'intendo io.
I fantasmi spariscono solo quando hanno raggiunto il loro scopo, conclusa la loro evoluzione, il mio aleggia, ma vedrò di liberalo presto, in modo che sparisca per sempre......