mercoledì 2 aprile 2008

Credenza popolare

C'è una credenza, non ricordo da dove viene, che dice che se pensi e desideri intensamente una cosa prima o poi accade che si avvera.......
Più che pensare le stesse cose tutti i giorni e nutrire false speranze da più di un anno, quanto ci devo pensare????
E se fosse vero il contrario?, evitare di pensarci, fissarsi in maniera maniacale, raggiungere uno stato di indifferenza fino a riuscire sd annullare il pensiero fisso, come smettere di fumare, si cala un po fino a non fumare più, per un po il desiderio rimane, poi o si ricomincia o si smette....
Di fumare ho smesso tantissimi anni fa, di pensare, fissarmi, quello non riesco a farlo, è la mia natura e non posso rinnegarla... non sarei io, con le conseguenze che ne porta...
Perchè scrivo ste cose?
Perchè nonostante il lavaggio del cervello che cerco di farmi, aiutato dai miei insuccessi, non riesco a togliermi certe illusioni, sogni dalla testa...
C'è stato un momento che pensavo di avercela fatta, sentivo palesemente l'indifferenza, l'impossibilità della cosa, poi una serie di coincidenze fortunate,, anzi sarebbe meglio dire tragiche, mi hanno fatto avvicinare un po, con conseguenze tragiche, già si soffre ad avere le cose lontane, ma averle così vicine e non poterci fare niente.....è peggio..
Come essere su un isola, non saper nuotare e vedere il vostro desiderio lontano, su un'altra isola, impossibilitato a raggiungerla..triste ma ancora di più sarebbe se invece è sull'isola con voi, vicino, a portata di dita e non poterla toccare, sfiorare, lontana mentalmente , non riuscire a far capire quello che avete in testa, anzi vi trovate a mascherare inspiegabilmente quello che vi frulla in testa per paura di chissà cosa....
Questa è la cosa peggiore, questo sono in fondo io.......
La paura del no, sentire quella parola che immaginate, ma non sentirla regala sempre una piccola illusione, non vorreste mai sentirla quella parola......ma capiterà, anche se si cerca di allontanare il momento, fino a quando oltre al momento si allontanerà tutto, anche lei, vi ritroverete a rimpiangere e a pensare : perchè quella volta non ho parlato, ho taciuto, perchè.......
Perchè se così non fosse non si parlerebbe di me.....tra qualche tempo scriverò quelle parole, ne sono sicuro, perchè non ci ho provato, ????
Perchè il no non è la risposta che vorrei sentire, ma è l'unica che mi aspetto, magari condita da altre cose, alleggerita da tanti argomenti palliativi, ma sempre un no...

P.s. Per E.C. Non mandare messaggi di commento, fai finta di non aver letto, so già cosa mi diresti, come la pensi sull'argomento e con te vorrei parlare di altre cose, non sempre delle mie ca..................E non ti arrabbiare :-)